Due coniugi in barca per non parlar del tender

foto 3

Ed è giunto il momento di parlare di Bimbotender. La storia di Bimbotender (nome d’arte ovviamente) comincia molto prima della nostra partenza e si può riassumere così: dopo un’affannosa e meticolosa ricerca su internet (con la complicità dell’amico Marino) troviamo un tender ad un prezzo ridicolo. Lo compriamo, anzi, ne compriamo due (uno è dell’amico Marino) e da quel momento in poi viviamo nell’ansia aspettando la “fregatura” che per forza deve nascondere un simil prezzo. Dopo aver tirato un sospiro di sollievo perché la spedizione non contiene sassi ma il tender suddetto, dopo aver verificato che non è bucato e che galleggia, ci pare di scoprire l’arcano quando Stefano, nell’atto di provarlo, scopre che più che salirvi deve “indossarlo”, da qui il nome…
Certi, dunque, che non sarebbe mai riuscito a portare due adulti e un motore, decidiamo di disperarci direttamente in Croazia e rimandiamo il battesimo; battesimo che abbiamo effettuato due giorni fa dove, con non poco stupore, scopriamo che la creatura galleggiante fa il suo dovere in maniera egregia.
Lo collaudiamo scendendo a terra a Ist dove ci inerpichiamo per un sentiero di sassi per raggiungere la vetta della collina da cui si gode una vista splendida. Il fatto che l’impervio sentiero sia il tragitto che la processione dei locali compie per raggiungere la chiesetta che è, appunto, in cima alla collina, la dice lunga sulla forza della fede…

IMG_2066

IMG_2067

 

 

 

Premuda, baia Krijal

 

IMG_1943

I tramonti a Premuda sono forse i miei preferiti. Già la baia non è una baia vera e propria ma una sorta di corridoio d’acqua incantevole, delimitato dalla terraferma e da qualche manciata di scogli bianchi, al di là dei quali si affaccia il mare aperto. Poi, l’insediamento (perché di paese non si può parlare) sembra un set di un film western con l’immancabile chiesina stile spagnol-messicano; non un set abbandonato però, piuttosto un set in attesa del primo ciak, si gira… Infine, cosa rara nelle baie più “tradizionali”, gli scogli sono dimora felice e consueta di decine e decine di gabbiani. Con questi elementi a disposizione il sole certo non si fa pregare e mette in scena un tramonto spettacolare: riesce a scomparire esattamente dietro gli scogli, come se si tuffasse nel mare aperto, tingendo l’acqua e le case di rosa pastello. I gabbiani, comparse d’eccezione, aspettano che anche l’ultimo raggio sia scomparso e poi si alzano all’unisono in volo, stridendo e diventando, a mano a mano, sempre più sagome scure controluce.
Ora, chi ama credere alle cose perfette può fermarsi qui, per gli altri le prossime 3 righe.
Esattamente un minuto dopo lo show dei gabbiani, formazioni d’attacco di zanzare imbufalite e accanite “sniffatrici” di zampirone, che è evidente trovano di loro gusto, si lanciano a capofitto sulla barca, seguite a ruota da un beccheggio simile ad un rodeo (tanto per restare in tema western…) che durerà quelle due orette, sbiadendo così una cartolina idilliaca…
Eppure… i tramonti a Premuda sono davvero i miei preferiti!IMG_1948

Giocando

 

Se c’è una cosa che mi piace negli uomini (intesi come genere maschile non come esseri umani) è che, per certe cose, non cambiano mai, dai 9 ai 90 anni… Ora, qualcuno di loro, con la coda di paglia, penserà che li stia tacciando di immaturità, io invece penso a quell’insieme di entusiasmo, di gesti, di soddisfazione, che esprimono, immutate  da sempre, quando “giocano”. Tutto questo preambolo semifilosofico per cercare di descrivere lo sguardo di Stefano e Claudio quando, sabato, ci hanno convinto a noleggiare un gommone (150cv) per un’escursione giornaliera. IMG_2965
Con una formazione a sei: io, Marinella, Veruska, Giorgio e i suddetti Stefano e Claudio abbiamo fatto 33 miglia in un pomeriggio, fermandoci a fare il bagno in due splendide baie a Susak e alle Orjule, vere piscine a cielo aperto!
Avendo venduto una casa per comprare una barca a vela, devo forzatamente moderare l’entusiasmo e trovare difetti innumerevoli a questo modo di andar per mare…Siccome il primo e il più evidente è quello economico, mi eviterò di cercarne altri, ma ammetterò, invece, di essermi molto divertita, soprattutto quando i pretendenti principali al gioco hanno ceduto la guida (nel senso reale del termine) alle donne…!!IMG_2981
IMG_2980

Lussino

IMG_2986Partenza! Molliamo gli ormeggi approfittando di una finestra meteo alle quattro. I colori del cielo sono post bellici: rosso e arancione tra nubi nere, sfilacciate all’orizzonte. Nonostante tutti i siti meteo siano rassicuranti, la mia insana fantasia in traversata raggiunge il massimo e passa in rassegna tutte le possibili (e impossibili) catastrofi. Unico rimedio valido per placare la mente irrequieta ( e so già cosa penserete…) é un bel bicchiere di rosso… o, in alternativa, tutto il repertorio di canzoni che ricordo a squarciagola… Comunque, la traversata é tranquilla, anche troppo per certi versi. Il silenzio radio che ci accompagna fino a 15 miglia dall’arrivo ha del surreale: non una voce, nemmeno croata, non un pescatore che parla con un collega , non una comunicazione al porto… Niente di niente. Sembra d’essere in un episodio de” Ai confini della realtà”.
E, invece, arriviamo a Lussino dove ci aspettano altri amici.
Sembra una vacanza come le altre, però …il viaggio é cominciato!

Da grande dovevo fare il magazziniere

IMG_1934Nonostante il cielo decisamente norvegese decidiamo di fare cambusa, sperando in una prossima partenza.
La cambusa non è nient’altro che la spesa “grossa” e si differenzia da quella casalinga solo ed esclusivamente per il rapporto indirettamente proporzionale tra numero di generi alimentari e numero di spazi in cui riporli. Ed è proprio in ciò che si manifesta la mia perversione. Provo uno squisito piacere nello stipare il tutto, secondo una logica che ( lo ammetto) ha del patologico: i 3 rotoli di scottex nuovi PRIMA della scatolina con le essenze ( vuoi mica partire senza essenze?); il rotolo usato DOPO la scatolina suddetta…. Il dentifricio di riserva A DESTRA della spazzola per il brushing ( vuoi mica partire senza spazzola da brushing?) ; quello usato nella scatolina blu SOTTO il manico della suddetta spazzola… E non vi annoio oltre. Mi chiedo solo se l’insana soddisfazione provata alla fine non sia sintomo di un talento sprecato in questi ultimi 30 anni??!
Ps. Dettaglio pubblicitario all’insaputa dei gestori: provate la pizzeria “O Fiore mio” a Faenza. Lievito madre, farine speciali, ingredienti di primissima qualità. Strepitosa!

Citazioni d’autore

IMG_1925Passeggiando per i pontili di un porto turistico nei mesi estivi che precedono le vacanze, vi capiterà senz’altro di imbattervi in personaggi pseudo tecnici che davanti a barche dotate di impianto eolico, pannelli solari, tender più o meno intelaiato, affermeranno con incrollabile sicurezza: questo qui parte per un bel viaggio…
Ingenui!
Meno giornali tecnici e più pellicole d’autore è quel che serve per certe ipotesi.
Se avessero guardato con più attenzione la “Finestra sul cortile” saprebbero che non é sulla coperta ma nella cabina dell’armatrice che bisogna ben guardare.
“…Nessuna donna partirebbe mai per un lungo viaggio senza la sua borsetta e i suoi gioielli…”
Ed è così, infatti, che la splendida Grace giustifica i miei ciondoli e le paia d’orecchini (alcuni, ricordi del giurassico) che riempiono ben ordinati il cassetto della cabina di prua.
È la loro presenza, accompagnata da quella dell’odioso ferro da stiro, che mai e poi mai mi sarei sognata di portare in vacanza, la prova concreta che il viaggio che intraprenderò tra qualche giorno non sarà breve come al solito…
Ma anche se Grace la sapeva lunga, a ben pensarci, quello che mi sarebbe davvero utile ora è la copertina della “Guida galattica” con i suoi cubitali caratteri:
… NO PANIC!…

Armadio 4 stagioni

IMG_1910

Sei ore e i pochi mobili destinati al trasloco saranno ridotti ai minimi termini e impacchettati. Insieme agli scatoloni ammassati in garage finiranno su un camion, destinati al magazzino che li conserverà fino a… Mah?!
L’indispensabile “dovrebbe” già essere imbarcato (ho già stivato anche lo stampo per le tigelle…) e mentre penso al mio armadio barcaiolo mi torna in mente un’amica in visita alla casa, 14 anni fa appena comprata. Durante il giro turistico di rito i consueti complimenti dovuti si erano un attimo inceppati, proprio davanti all’armadio, alto fino al soffitto, profondo come un bambino ma SOLO a due ante. Con un lieve imbarazzo era sfuggita la frase:- Oh, io proprio non saprei come fare senza un armadio 4 stagioni!
A ben guardare il mio armadio attuale 4 scomparti li ha ma è evidente che il significato di indispensabile è decisamente personale…

Tutto in una tasca

IMG_1913Ci siamo! Tra poco la partenza… e il trasloco urge. Passare da una casa grande ad una più piccola è già un’impresa ma passare da una casa ad una barca di 13 metri è una vera avventura. La sensazione è quella di svuotare una vasca con un colapasta. Gli scatoloni formano pile sempre più alte ma le stanze sono sempre misteriosamente ingombre di cose…!
Eppure i cassetti che si svuotano, i muri che tornano nudi non sono così malinconici come si potrebbe credere, anzi, sanno di promesse, di pulizia.
È un vero e proprio esercizio per l’anima scegliere quello da portare con sè e quello di cui “liberarsi”.  Si parte dal non sapere proprio quale maglione lasciare a casa e si finisce per  non portarne neppure uno… tanto farà  caldo…
Per i ricordi è un po’ più dura, ma fortunatamente tra i tanti oggetti che hanno un perché  ce n’è sempre almeno uno che può stare in tasca, così  se l’albero di mele deve restare in giardino, il libro ingiallito, letto e riletto, regalato anni e anni fa, può venire con me…
Devo ricordarmi di donare sempre cose piccole alle persone a cui tengo…un giorno potrebbe fare la differenza…

 

8 Marzo 2014

Merito forse degli arancini,della pasta di mandorle o della festa della donna, fatto sta che oggi è una splendida giornata. Facciamo colazione in albergo e merenda poco dopo😏 da un fantastico panettiere.
Girovaghiamo tra i banchi di pesce appena pescato e quelli di frutta e verdura, godendoci odori, colori e… prezzi, poi ci imbarchiamo per le Egadi; destinazione Favignana.

20140308-183808.jpg

Sarà che é marzo e poca gente in giro, sarà che c’è il sole, sarà che la pioggia di ieri ha lavato cielo e mare ma sembra davvero un paradiso. Noleggiamo 4 bici e vagabondiamo per l’isola: ogni scorcio è meglio del precedente. La cordialità delle persone locali fa da degno contorno.

20140308-184544.jpg
Concludiamo la giornata “A casa mia”, uno spettacolare ristorante dove mangiamo e beviamo davvero bene ad un prezzo più che ragionevole.
Viziati e coccolati torniamo in albergo in attesa del taxi che domani mattina ci riporterà all’aeroporto. Sono passati due giorni e ci sembra un secolo. Arrivederci Trapani, a presto!

7 Marzo 2014

Questa volta la scusa è ancora migliore. Si va a Trapani con l’aereo per visionare il porto. Dopo un viaggio decisamente confortevole ( visto il costo dei biglietti ci si chiede come facciano) atterriamo in città. La stanza- appartamento alle chiavi di S. Francesco è un ulteriore piacevole sorpresa. Passeggiamo per la città sotto un inatteso temporale primaverile.

20140308-170506.jpg

Il centro storico è una chicca e, quando finalmente spiove, si riempie di un piacevole passeggio. I contatti con gli abitanti non potevano essere più cordiali e anche il liceo che dovrebbe frequentare Daniela mi fa una gran bella impressione.

20140308-170958.jpg
Un tramonto spettacolare e un cibo strepitoso ( Pasticceria del Corso da ricordare per cortesia e qualità ) ci rendono ottimisti per il meteo di domani.

4 Gennaio 2014

Sveglia a orari infami: alle 3 ci viene a prendere il taxi per portarci all’aeroporto. Ancora addormentati riusciamo a capire che, per gran parte del tragitto, costeggiamo le vecchie mura di Costantinopoli, poi la burocrazia aeroportuale ci inghiotte.
Si decolla! Arrivederci Istanbul!IMG_1488

3 Gennaio 2014

Il destino vuole che non si riesca a fare una colazione tutti insieme. Oggi passa Stefano che, dopo notte insonne alle prese con la digestione, dorme fino a tardi.
Quindi partiamo, come di consueto, alla volta del centro, dove incontriamo Silvia e Umberto.IMG_4601
Con i  ragazzi facciamo due passi nel vecchio ippodromo che sa veramente poco di vestigia romane essendo nei fatti molto più simile ad un’ ampia e piacevole piazza pedonale.
Camminiamo, poi,  fino a Cemberlitas, non tanto per il monumento, quanto per i bagni turchi che gli sono accanto.
Con qualche perplessità ci lanciamo nell’esperienza. L’interno dei bagni è pulito e ristrutturato: legno e piastrelle. Il personale ci guida, dividendo maschietti e femminucce in due ali diverse con modi piuttosto decisi e sbrigativi. All’interno dell’ala femminile, dopo uno spogliatoio moderno, si entra nei locali del 1500: una pietra caldissima, a forma circolare accoglie chi ha scelto di farsi insaponare dal personale e anche noi che ci insaponiamo da sole. Sopra alla pietra, una volta traforata fa filtrare la luce e uscire il calore.  Attorno, piccole fontane e catini decorati con cui rovesciare acqua fredda dopo la pulizia. Una volta aperti i pori si passa in due vasche di acqua, una delle quali occidentalizzata dall’idromassaggio, a temperatura imbarazzante: 36 e 38 gradi. Il tutto molto piacevole ma a piccole dosi se si vuole evitare il collasso…a

2 Gennaio 2014

Sorpresa! Al risveglio la piccola di famiglia pensa bene di esibirsi in uno spettacolare show gastrointestinale…😱
Fortunatamente verso mezzogiorno lo spettacolo si conclude e riusciamo ad uscire e a farci la nostra solita scarpinata fino al centro.
Optiamo per la moschea di Solimano un po’ costretti dall’orario che ci impedisce di provare l’entrata a Santa Sofia, ma è la nostra fortuna. La moschea è bellissima, imponente e soprattutto meno affollata del consueto. Un luogo di grande suggestione.IMG_1591
Dopo esserci gustati l’atmosfera cerchiamo invano un fantomatico giardino del té indicato dalla guida e poi abbandoniamo definitivamente la spiritualità e cadiamo nel bieco mondo commerciale comprando…uno spremi-melagrana…!
Concludiamo la giornata, dopo le ormai consuete sei ore di cammino… in un grazioso ristorante, The Kebap, dove mangiamo molto bene con un servizio eccellente e assaggiamo il raki.

 

1 Gennaio 2014

Sveglia con molta calma: oggi la colazione la servono fino alle 12…!! Ci aspetta una giornata intensa visto che il centro storico proprio vicino non è. Col navigatore e molto buon senso ci avviamo verso il Corno d’Oro. Nel tragitto non possiamo ignorare una piccola
moschea, molto meno sfarzosa di quelle che dominano il paesaggio al di là dello stretto, ma straordinariamente genuina. All’interno
l’atmosfera è un misto di spiritualità e di intimo rifugio, complice anche l’assenza di turisti. Restiamo affascinati.

IMG_1547

Tutt’altra musica sul famoso ponte di Galata. Dovunque banchetti di caldarroste e cibo da strada, via vai di traghetti, profumo di mare ed una quantità imbarazzante di pescatori. I più arditi cucinano al momento il pescato su bracieri improvvisati .

20140131-222044.jpg

Una svolta sbagliata ed eccoci in un’oasi di verde magnifica. Viali di grandi alberi dal tronco pallido e coppiette appartate a guardarsi negli occhi, come in un vecchio film.

IMG_1469

Arriviamo nella piazza che vede fronteggiarsi i più famosi edifici religiosi della città, proprio nell’ora della preghiera e subito ogni idea di rivalità suona ridicola. Il muezzin della chiesa intona e quello della moschea risponde. È un atmosfera incantata, colorata a tenui tinte dall’acqua della gigantesca fontana e dal cielo grigio. Optiamo per visitare la moschea ( meno fila…😁).L’interno è fantastico e, nonostante la folla, si respira un’aria decisamente più spirituale di qualunque altra chiesa occidentale.

IMG_1512

Dopo una sosta culinaria con un kebap buonissimo, assaggiamo un bicchiere di sahlep, di una dolcezza nauseante, e ci avviamo verso l’albergo passando, non proprio casualmente, dal gran bazar. Il paradiso di ogni appassionato di shopping è all’interno di una suggestiva “galleria” colorata d’oriente. Ci limitiamo alquanto: due paia di orecchini, un posacenere e l’immancabile calamita.

IMG_1532

Dai colori ai profumi delle spezie in poche centinaia di metri. Qui è tutto un po’ meno turistico (hanno tutti la visa peró…) Facciamo provvista di curry e peperoncino. Torniamo rigorosamente a piedi fino all’albergo e dopo 5 ore di cammino ci concediamo il ristorante del Sed che oltre ad essere a livello culinario più che buono, ha una location spettacolare sul Bosforo acceso di luci. 

IMG_1615

31 Dicembre 2013

Partiamo alle 8.15 da Bologna, sfruttando il gentile passaggio del servizievole vicino di casa Michele e, con breve scalo a Fiumicino, atterriamo in perfetto orario ad Istanbul alle 13,15 (12,15 italiane). Prenotiamo un taxi per andare e tornare all’aeroporto. La distanza non è esagerata ma il traffico rende il tragitto un’ odissea.
20140131-220458.jpg
Prendiamo possesso delle due stanze al Sed Hotel e passeggiamo un po’ a vanvera, finendo col vedere piazza Taksim e la strada Istiklal, cuore europeo della città, attraversata da un nostalgico tram. L’atmosfera è caotica ma vivace. Kebap  giganteschi e cibo da strada si mescolano a griffe commerciali. Pullman di poliziotti sono dietro ogni angolo e il traffico, subito fuori dall’oasi pedonale è a dir poco folcloristico. Mezzanotte viene salutata da un coro di clacson e da qualche fuoco sul Bosforo, piuttosto deludente. Brindisi all’ora italiana in camera. Buon anno!!

 

Alla via così