Il pane di San Giuseppe

 

IMG_4589
Cavalcata di San Giuseppe

Si direbbe che la vita in barca dovesse portare ad ignorare il calendario. Qualcosa come: “ Non so mai che ore sono e che giorno è…” Ma non è sempre così.
Al contrario, da quando siamo in Sicilia i mesi hanno una consistenza corposa del tutto nuova. Già, perché qua ogni mese porta con sé una festa, una tradizione, un rito che lo differenzia da tutti gli altri.
Adesso, per esempio, siamo nel pieno dei festeggiamenti di San Giuseppe e dal fornaio, quando l’avventore locale chiede il pane, non ne chiede uno qualsiasi, ma quello di San Giuseppe e si attarda a scegliere la forma, un po’ indeciso tra bastone e corona.

IMG_4603
Impastare come un tempo

Opere d’arte queste pagnotte di pasta dura decorate e “scolpite”, ma nulla in confronto alla distesa senza fine di cibo, esposto come un quadro sulle tavole delle case di Santa Croce Camerina. Sono le cosiddette “Cene” della vigilia della festa, cibo da guardare e non toccare, frutto di settimane di preparazione e che la tradizione vuole destinato ai poveri al seguito del Santo, che busserà alla porta il giorno successivo. Per noi, semplici osservatori, una delizia per gli occhi e un supplizio per la gola…

IMG_4617
Tavola imbandita per le “Cene”

E soprattutto non bieco folclore turistico ma rituali sinceri condivisi da grandi e piccini.
Così alla cavalcata di…(indovinate un po’…) S.Giuseppe a Donnalucata, vecchi, bambini, adolescenti in branco, famiglie numerose, stranieri e turisti occasionali sono tutti insieme a bordo della strada a vedere sfilare cavalcature ricoperte di fiori, al suono ritmico dei tamburi.

IMG_4570

Da spettatori ci gustiamo tutto e, quando, nell’ospitale cucina di Katia, impastiamo e cuociamo “pastizzi”   image           e “scacce”,
riusciamo persino a conquistarci un piccolo spazio sul palcoscenico della tradizione.

3 pensieri riguardo “Il pane di San Giuseppe”

  1. Carissimi, dai lontani Caraibi, dove le stagioni non esistono più, perchè l’Estate Perenne le ha spazzate via,vi mandiamo un abbraccio con tanta nostalgia per la Sicilia.
    Se un giorno dovessimo rientrare in Mediterraneo,ci piacerebbe concludere la nostra navigazione proprio in questa isola così accogliente , ricca di tradizioni e bella gente…
    Un abbraccio da Giuliana e Roberto del “Paddy Boy” da Antigua.

    1. Ciao ragazzi!! Seguo sempre le vostre avventure oltreoceano. Un abbraccio grande anche da parte nostra e buon vento! Prima o poi le nostre rotte si incroceranno ancora!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.