Il racconto

Sono in anticipo. Come sempre. Detesto arrivare all’ultimo. Sempre. Ma in particolare all’aeroporto. Detesto i controlli di sicurezza, quello spogliarsi e infilare in vaschetta e togliersi orologi e bracciali e sperare che le scarpe non suonino e non tocchi passare in calzini. Ma amo le sale d’aspetto e i luoghi in genere, in cui iContinua a leggere “Il racconto”