I Misteri

 

IMG_6013

“Nessun dorma” potrebbe essere a giusta ragione la parola d’ordine di questa processione, una delle più antiche e la seconda più lunga d’Italia. Comincia alle due del pomeriggio del venerdì con l’uscita dei gruppi sacri dalla Chiesa delle Anime del Purgatorio, per concludersi la bellezza di ventiquattro ore dopo con l’entrata dei gruppi nella medesima chiesa.
In entrata e uscita si esegue ” l’annacata”, una sorta di ondeggiamento dei portatori che produce l’illusione del movimento delle statue stesse.
I gruppi sono 18 a cui si aggiungono i simulacri di Gesù morto e di Maria Addolorata.
IMG_6065

Venti scene  che rappresentano i momenti della passione di Cristo, realizzate con statue di legno e cartapesta, fissate su supporti di legno (vare),  portati a spalle per tutto il giorno e la notte da una quindicina di uomini ( l’espressione di sofferenza intravista sul volto di qualche portatore probabilmente non derivava solo dalla spiritualità dell’evento…).
IMG_3314

Ogni gruppo scultoreo é affidato per tutto l’anno e, a maggior ragione durante la processione, ad un “ceto”: i salinai, i pescatori, i sarti, i fornai, i naviganti e ognuno fa di tutto, come é facile intuire, per fare miglior figura.
IMG_6109

Al seguito di ogni vara una banda che intona musiche tristi e solenni.IMG_5968

Lungo le vie, in piedi, seduta su sgabelli improvvisati, affacciata alla finestra, c’è tutta la popolazione di Trapani, famiglie intere, bambini, nonni, ragazzi, coppie, nonché una discreta quantità di turisti.IMG_5972

Per strada addobbi, ambulanti, transenne: un misto di sacro e profano dove alla musica solenne fanno da contraltare i venditori di palloncini e noccioline americane. L’insieme, folcloristico di giorno, diventa decisamente suggestivo di notte.

IMG_3345

E se con la luce del sole è l’aspetto della tradizione che la fa da padrone,
IMG_6001

di notte, accanto alla processione illuminata, convive una sorta di pacifica movida.
IMG_3361

Noi facciamo i turisti, con le macchine fotografiche e il sacchettino di panelle (frittelle di farina di ceci) calde. Gironzoliamo fino alle due di notte nelle piazze e nelle strade stracolme di gente, tra devozione sincera e incurante divertimento. Quando ci arrendiamo al sonno, lasciamo una città ancora brulicante di vita e i Misteri ancora a metà strada…
Davvero, per un giorno all’anno, a Trapani, nascosta tra le note solenni delle bande, si insinua la romanza di Puccini…nessun dorma…

IMG_6025_Snapseed

 

1 commento su “I Misteri”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.