Archivi tag: vino

Matrioska

La “Chiave Suprema” è il titolo di un libro che sfiora la leggenda, imputato com’è d’aver portato alla fortuna e al successo uomini d’affari, pensatori e politici di fama mondiale.

Si tratta di una serie di lezioni settimanali e una delle prime recita:

Desidero che prendiate un oggetto e percorriate a ritroso la strada della sua origine per vedere in cosa esso consiste realmente (…) sono in pochi a sapere che le cose che vedono rappresentano solo gli effetti e a comprendere le cause che hanno permesso a tali effetti di essere portati sul piano dell’esistenza … 

Ora, senza approfondire se questo o altri suggerimenti mantengano ciò che promettono, è comunque indubbio che, ad uno sguardo attento e curioso, il nostro mondo non sia altro che una meravigliosa e infinita matrioska. Certo non è comune, mentre si ascolta una chitarra, per esempio, pensare alle mani che l’hanno modellata, al metallo che fornisce le corde, al legno, agli alberi da cui deriva e via via fino alla estreme conseguenze che ci portano a quell’uomo che per primo ha pizzicato le corde tese da un’estremità all’altra di un arco.

Succede, però, che le persone che vivono di passione conoscano ciò che amano fare ben al di sotto della superficie e incontrarle significa percorrere con loro una nuova e, fino a quel momento sconosciuta, strada a ritroso.

In questo modo molti cari amici, nel tempo, hanno trasformato la nostra percezione del vino da una semplice bevanda ad un universo. Tra loro Federico, gestore e proprietario dell’enoteca “Giro di Vite”  e Silvia, approdati dall’Emilia in Sicilia in vacanza enogastronomica. Durante questi giorni abbiamo avuto il privilegio di essere accompagnati dalle loro parole nei micro mondi che partono da un bicchiere, attraversano persone e azioni fino a giungere alla pianta, al frutto, al sole che lo colora e ancora più giù, alle radici che affondano in una particella di terra diversa da ogni altra.

Foto tratta dal sito “Cantina Ferracane”

É uno splendido viaggio e siamo sempre grati di tutte le occasioni che la vita ci offre di imparare e di scoprire perché…

quando il pensiero viene allenato a guardare al di sotto della superficie, tutto assume un aspetto diverso … 

Grazie, quindi, ragazzi e benvenuti nel registro degli ospiti.

Saper fare

FullSizeRender

Un leggero odore di tabacco dolciastro e aromatico ne segnala la presenza e indica i luoghi da cui è appena passato. Si muove con calma e parla, poco, e con altrettanta tranquillità. Con la pipa tra le labbra accudisce le barche che il cantiere gli affida e gli sbuffi di fumo sottolineano la danza delle mani.
La classe che contraddistingue gli artigiani veri ha molto più a che fare con la musica che con la tecnica. Perché, a guardarli, sembra che le cose non si possano fare che con il loro modo e con il loro tempo e il fluire delle azioni è come una melodia fluida e intonata. Tutte le volte che ne incontro uno mi incanto ad osservarlo, con il piacere e la consapevolezza di essere di fronte ad uno spettacolo, ma anche con un pizzico d’invidia e un po’ di rammarico. Perché accanto a queste persone di straordinario talento ed esperienza non c’è quasi mai nessuno. Nessun “apprendista stregone” in attesa d’essere iniziato e promosso.
Tutte quelle fantastiche capacità…”come lacrime nella pioggia”
direbbe qualcuno. Un patrimonio perduto…
E, con questi pensieri, nei tempi previsti e senza nessun intoppo, i lavori in cantiere sono giunti al termine. Cautha è di nuovo in acqua e noi, felicemente, con lei. Con un tempismo che ha del miracoloso i nostri amici enologi, Claudio e Veruska (http://www.baliadizola.com) ci hanno permesso di rifornire la cantina per festeggiare più che degnamente il ritorno a “casa”, cosa di cui siamo loro enormemente riconoscenti…Mai avuto in stiva un così vario panorama di bottiglie!
E mentre religiosamente ripongo le scatole in sentina, non posso non pensare che anche tutto questo è frutto dell’abile lavoro di artigiani della natura. Non solo mani, ma palati e…nasi racchiudono nel vetro scuro terre, cieli,  climi e colori diversi ma sempre con fatica, esperienza e, soprattutto, amore per quello che fanno.
Una vigna, una barca…talenti, mani sapienti e passione vera.
Lunga vita a chi “sa fare” e l’augurio sincero di trovare a chi insegnare…
Cin Cin!

FullSizeRender.jpg