Il canto della sirena.

IMG_2487

Ed ecco attraversata una nuova frontiera: abbandonato l’Adriatico ci apprestiamo a solcare le acque dello Ionio. Oceano mare, se Barricco mi perdona la citazione, con i suoi 2000 metri di profondità e i suoi dirupi inabissati. Sulla costa, Santa Maria di Leuca, il nome rubato alla sirena Leucasia che ammaliava i naviganti con il suo canto.

IMG_2500

E di storie da cantare ne aveva: le incursioni dei pirati (quei feroci turchi che abbiamo già incontrato sull’altra sponda dell’Adriatico);

S.Pietro, sbarcato qui dall’Oriente per raggiungere Roma;IMG_2496

il mitico Enea, approdato su queste rive con la sua flotta…IMG_2488

Un passato ricco di magia e un presente che non è da meno.                                Stasera, sotto i resti dell’acquedotto romano (ancora funzionante)IMG_2484

si mangiano le pittule (palline di pasta di pizza fritta), seduti sulle scalinate o sui muretti di pietra e si balla al suono ipnotico di pizzica e tarantella, finché, a mezzanotte, si apre la fontana monumentale e una cascata impressionante d’acqua piomba giù, per sparire verso il mare…

cascata_leuca2

…A saper ben ascoltare, la sirena canta ancora…

IMG_3148

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.