Amnesia retrograda globale

image

Chi non ha avuto la fortuna di seguire “Amnèsia” di Matteo Caccia (programma radiofonico su radio 2 tra i più belli che io ricordi) non capirà la citazione, ma non importa, perché ciò di cui voglio parlarvi non è né retrograda né globale ma é senz’altro amnesia.
Periodo di carnevale e il tempo ha deciso di sposarne lo spirito allegro con una tregua e, dopo quasi quattro settimane di pioggia, si è dimostrato clemente, permettendoci una bella veleggiata di qualche ora. Così, in attesa di restituire la casa a Daniela che tornava da scuola, ci siamo goduti la barca in quanto tale.
Ed è proprio allora che é insorta l’amnesia…
Non so perché non capiti a Stefano (e agli uomini in genere, per quanto ho potuto appurare) ma a me succede sempre. Bastano un paio di settimane senza maneggiare cime e strumenti e…. oplá…
Non è che non ricordi proprio nientenienteniente ma, come dire, le sequenze precise per alcune manovre o qual è la posizione esatta, sugli strumenti, dei numeri che indicano i nodi e la profondità, ecco, sfuggono un po’.
Hanno bisogno, diciamo, di un po’ di tempo per tornare bene a fuoco. Insomma, devo riprendere dimestichezza.
A me non sembra così strano ma gli sguardi del coniuge, quando si trattiene gentilmente dall’esprimersi a parole, sembrano credere il contrario.
Ma insomma, dico io, come si fa a ricordare tutto? Non si può mica pensare solo a quello…
In ogni modo, la veleggiata é stata uno spettacolo, il cielo e il mare hanno sfoggiato le loro migliori qualità: calmo il primo, con un’onda lunga ma affatto fastidiosa; limpido il secondo, con le Egadi che si stagliavano nette, all’orizzonte; poco vento, ma sufficiente a gonfiare le vele e il sole tiepido sulla pelle.
Un piacere… anche per chi è affetto da amnesia parziale e temporanea.
E, a proposito, se c’è qualche altro malato in giro me lo faccia sapere.
Come si dice…mal comune, mezzo gaudio…

6 pensieri riguardo “Amnesia retrograda globale”

  1. Piú che a differenze uomo donna, penserei a quelle tra istintivi e mentalisti. A me capita praticamente su tutto, ma mai come nellw poche occasioni di vela. Vi sto seguendo perché sto cercando anche io una barchetta su cui andare a vivere. Buon vento bella famigliola

  2. Mi ricordo molto bene quella trasmissione radiofonica …….come tanti c’ero cascato ed ero convinto che era tutto vero ……..all’ultima puntata , in cui svelava la bufala , mi sono sentito un pò “lullone” ……..
    Brava Anto , che memoria ……….

  3. La stessa amnesia di cui soffro io, dopo un po’ che non vado in montagna non ricordo i nodi o le manovre, e ammetto di invidiare chi una volta imparato non dimentica più, di solito uomini ….ma sarà un caso

  4. Capita anche a me!!!! Basta che nelle uscite a vela sto un po’ di volte solo al timone e mi dimentico in che senso devo avvolgere la cima intorno ai winch!!!! E’ più forte di me!!!!! Mio marito è disperato!!!! ah ah ah ahahahahah.
    Allora x capirlo senza chiederglielo x la milionesima volta, di nascosto da lui, con nonchalance ed estrema indifferenza, lo giro con la mano di quà e di là!!!!! Io e mio marito Max siamo nel pieno della caotica e tumultuosa fase di trasloco da casa alla barca. Mancano una manciata di mesi e le cose da fare sono milioni!!!! Visto che la nostra mèta sarà la Sicilia proprio dalle vs parti, avremmo molto piacere di metterci in contatto con voi. Se vi va, sentiamoci in privato. Il mio indirizzo mail é ondavelaria@libero.it Buon vento!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.