Lavori manuali

image

Avete presente il detto “vuotare il mare con un cucchiaio”?
Ecco, questa è la sensazione che avevamo questa mattina guardando i nostri pezzetti di carta vetrata e la “smisurata” chiglia di Cautha. Il risultato finale dimostra che l’impresa, per quanto non semplice, non era poi impossibile e dà spazio a qualche altra riflessione.
1) Trovo difficile pensare che un manovale possa soffrire d’insonnia.
2) Trovo altresì improbabile che annoveri tra i suoi problemi l’inappetenza.
3) Per quanto mi riguarda, memore di “dai la cera, togli la cera” di Karatè Kid ( i miei coetanei ricorderanno…) mi sento pronta per il torneo.
3) E per finire, rileggendo questo post e valutandone lunghezza e complessità, ho la netta impressione che la mia vena artistica sia inversamente proporzionale a quella del mio apparato cardiovascolare…!
Ci risentiamo… a barca finita 😉

4 pensieri riguardo “Lavori manuali”

  1. Beh, pur non avendone esperienza alcuna, mi sa che questo sia non solo vivere in barca ma vivere la barca.
    Complimenti. Per questo, e per l’esplicativo post.

    Buona antivegetativa

    Un caloroso abbraccio a tutti voi

    Pier

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.