Sensi

 

img_6882

Mi sveglia il silenzio. Un silenzio inusuale, inaspettato. Gli alberi non suonano più come canne d’organo sferzate dal vento, nessun lamento dalle cime sotto pressione, nessun tamburellare di gocce sulla coperta, né cigolii di legno e sciabordare d’acqua lungo le fiancate. Persino la stufetta elettrica non fa udire il suo ronzare profondo. E la barca è immota.
Fossi in una casa, uno scroscio di pioggia, un alito di vento, un raggio di sole avrebbero potuto arrivare di soppiatto e sorprendermi. Avrei dovuto alzare gli occhi, avvicinarmi alla finestra e scostare le tende per scoprire quello che accadeva al di là dei vetri.
Ma in barca, prima, molto prima che con gli occhi, il “fuori” si ascolta, si sente nelle ossa e nella pelle. Non serve guardare dagli oblò.
La natura suona e si muove e forme e colori sono solo una conferma.

img_6891

Mi sveglia il silenzio.
E so, prima ancora d’aprire gli occhi, che oggi il maltempo si è preso una tregua, so che non piove più. So che l’acqua del mare è nera di sabbia e la spiaggia cosparsa di detriti.
So che soffia un vento leggero e che non fa freddo.
Lo so, senza bisogno di muovermi. Lo so con certezza, rannicchiata sotto le coperte.
E lo vedo, lo vedo chiaramente…
Con gli occhi chiusi.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.