Sale

Sono in pochi a sapere che le cose che vedono rappresentano solo gli effetti, e a comprendere le cause che hanno permesso di portarli sul piano dell’esistenza…perciò desidero che prendiate un oggetto e percorriate a ritroso la strada della sua origine per vedere in cosa esso consista realmente… (Charles F. Haanel ) Ed ecco, l’oggettoContinua a leggere “Sale”

Il tonno non si taglia con un grissino

E’ zio Peppe che in uno splendido italiano siculo sfata il mito del tonno così tenero che… Giuseppe, in arte zio Peppe  appunto, é un ex lavoratore della tonnara di Favignana. Una voce forte e stentorea, una presenza scenica da attore comico e una corporatura esile che non nasconde la forza di chi ha lavoratoContinua a leggere “Il tonno non si taglia con un grissino”

Egadi, toccata e fuga

Come tutti voi sapete, le Egadi sono tre splendide isole proprio davanti a Trapani.  In questi giorni le abbiamo sfiorate, per così dire, in circostanze diverse e, a loro modo, particolari. Favignana, la piú mondana delle tre, ci vede ospiti di Luca e Stefania e della loro “Stef”, in una giornata di vento e mareContinua a leggere “Egadi, toccata e fuga”

Selinunte

Ecco qua la nuova firma nel registro:  Caterina e Sandro, ex vicini/amici di casa ( ex sta con vicini di casa, non con amici, ovvio…). Qui, nel parco archeologico di Selinunte, in versione  Indiana Jones      ( questo vale soprattutto per Caterina che ha affrontato il viaggio  aereo, è salita in ovovia, ha fattoContinua a leggere “Selinunte”

Vestigia

L’ uomo non è nulla, l’opera è tutto (l’homme c’est rien, l’oeuvre c’est tout) Flaubert. Dubito che il signor Conan Doyle, quando ha messo in bocca al suo Sherlock questa citazione, pensasse a Segesta, tuttavia questo è esattamente quello che mi viene in mente quando sono al cospetto di opere costruite da esseri umani vissutiContinua a leggere “Vestigia”

Quale Trapani?

Ricordate il pianeta del Piccolo Principe, così piccolo che al nostro ometto bastava spostare la seggiola per vedere tutti i tramonti che voleva? Io non rincorro tramonti, ma ugualmente mi sembra d’essere approdata in un luogo dove basta spostarsi d’un niente per essere altrove. Trapani é una città dalle molte anime: c’è il porto turisticoContinua a leggere “Quale Trapani?”

Cefalù

Credo di avere un problema, un non so che di genetico che mi impedisce di abituarmi alla bellezza. Ogni volta mi ritrovo a gestire meraviglia, emozione e un certo infantile entusiasmo. Così è andata anche oggi con Cefalù. Provate a immaginarvi una cittadina adagiata sul mare con piccole e tipiche case sulla costa, poi addentrateviContinua a leggere “Cefalù”

Scilla e Cariddi.

E siamo arrivati alla fine, finita la Calabria, lo stivale intero, il continente; doppiato capo Spartivento, capo Riace, passato lo stretto di Messina e infine atterrati in Sicilia. Due giorni intensi in cui è facile capire perché proprio questo mare è lo scenario di cui si è servito il buon Omero per il suo Ulisse.Continua a leggere “Scilla e Cariddi.”